CFD o Future? Quale strumento scelgo per operare?

Posted on 6 Dicembre 2018

 

Differenza tra CFD e Future

 

Un ragazzo ieri via mail mi ha inviato una bella operazione fatta su Australian Dollar con i cfd.

Come vedi dalle immagini, si può notare la grandissima differenza tra i grafici del future e quelli del cfd (ultimo in basso), per cui delle operazioni che si potrebbero fare sui cfd a volte non si riescono a fare sui future.

Questa differenza è dovuta principalmente perchè i future hanno una scadenza che i cfd non hanno. Sui future (delle valute e indici) trimestralmente vengono cambiati con la scadenza successiva, cosa che non avviene nel mercato dei cfd (sulle valute).

Si potrebbe dire che i cfd sono eterni (sulle valute). Sono strumenti derivati dai future su indici, valute o commodities, moltiplicati per un loro correttivo in modo da poter ricavare un prezzo cash che corrisponderebbe al prezzo di un futures nel caso di scadenza odierna.

Praticamente il broker potrebbe dirti che incorporano i costi finanziari propri del futures.

 

Come operare

Sta di fatto che sui futures non si notano questi allargamenti di spread, per cui i grafici non corrispondono esattamente. Ecco perchè tanti miei allievi li tradano inserendo lo stop sul grafico del future, in modo da non essere penalizzati in caso di allargamento dello spread.

Cosa interessante è anche un’altra da non sottovalutare. Come puoi vedere ad un certo punto c’è un bel gap sulle contrattazioni. Ebbene, il market maker su determinati orari allarga lo spread, per cui bisogna prestare attenzione a fare trading su determinati orari.

La cosa migliore sarebbe quella di evitare o allargare di molto lo stop, cosa che io preferisco non fare. Per cui, anche in funzione della size che si entra, possono essere operazioni da mettere in piedi. In caso di aumento di size è meglio evitare, anche perchè lo stop sarebbe molto alto.

Di queste cose ne parlerò nelle prossime dirette Facebook, cosi da rendere meglio l’idea agli utenti, su vantaggi e svantaggi dei cfd e futures, in modo da poter scegliere nella maniera migliore e in base soprattutto alle proprie disponibilità economiche.

 

Operazione con Marsigliese su Australian Dollar 

Come si vede dal grafico sul future, l’Australian dollar è letteralmente crollato in nottata, per cui il ragazzo avrebbe preso veramente un gain molto importante, cosa che non è avvenuta per via dell’aumento dello spread dopo una certa ora.

marsigliese di paolo serafini

Future 6A – 240 Minuti

 

 

Se avesse usato lo stop guardando il future, non gli sarebbe mai scattato e in quel caso avrebbe realizzato tutto il gain precedentemente programmato. Ha relaizzato un piccolo gain lo stesso, meglio poco che niente, però è stato un vero peccato vista la bella operazione intrapresa dal nostro utente.

Marsigliese è un pattern da tradare su time frame molto alti, in modo da poter cogliere dei bei movimenti come in questo caso.

Raccomando a tutti i miei allievi di lavorare su time frame alti e nel caso di contestualizzare le entrate in base alla volatilità e anche in base all’uso dell’Oderflow (per quelli a cui ho insegnato come guardarlo e sfruttarlo).

Resta il fatto che essendo un pattern da me teorizzato è anche molto semplice da tradare.

In questo post non posso dare le specifiche di come tradarlo, ovviamente, però da queste immagini si può intuire come è stata aperta l’operazione e il movimento importante che è stato fatto dal derivato.

Nel grafico del cfd ce ne sono altre 2 molto importanti che non evidenzio (ma ci sono), dove l’utente i giorni scorsi è riuscito a realizzare un bel gain.

marsigliese di paolo serafini

6A grafico CFD a 4 ore

 

 

Marsigliese è uno dei pochi pattern grafici dove si può tradare sia in tendenza che contro tendenza, addirittura anche in fase di trading range, dove si può cogliere il ragionamento delle mani forti.

Riepilogando il tutto, prestare attenzione agli orari e all’allargamento dello spread. Nel caso entrare con size inferiori se gli stop sono più larghi.

Cercate di essere disciplinati nel trading e di non deviare, altrimenti non riuscirete mai a fare questo come lavoro.

Un abbraccio e buon trading a tutti

 

Paolo Serafini


No Replies to "CFD o Future? Quale strumento scelgo per operare?"